Migranti.

Andiamo al mare d’inverno

ad affogare i pensieri dalla tiepida terra

e poi ci sembra di tornare a casa leggeri

ed è più buona la zuppa calda,

è più piacevole il tepore delle lenzuola.

Poi c’è chi il mare lo combatte

ammassato sulla prua,

povericristi che succhiano le poppe,

ancora troppo giovani per nutrirsi del dolore.

Milioni di presepi mostrano le acque

di padri senza figli, di figli senza madri,

di uccelli in migrazione verso lidi sconosciuti.

Cercano il pane, povere bestie,

troppo sporche e macilente pure per mangiare,

vogliono il salario, miserabili teti,

ma persino ad Atene sarebbero stati ultimi.

Arrivano alle coste, poveri diavoli,

con le croci in spalla si offrono

al riso dello straniero,

che la domenica prega ai piedi d’ogni Cristo

e il lunedì si nutre di rabbia e d’egoismo.

Ed io non sopporto i colori e le avversioni

e la mia mente vaga fra i porti come Ulisse

e non vorrei avere casa né nazione

quando guardo il mare

e vedo all’orizzonte migliaia di persone

sparire fra le onde

e mi chiedo per quanto ancora

l’umanità sarà solo parola.

 

 

Annunci

Pubblicato da

Chiara

Chiara, 28 anni, amante di libri, viaggi e scrittura. Laureata in lettere, provo a tradurre in parole la meraviglia d'ogni nuova scoperta.

18 pensieri su “Migranti.”

  1. Accorata, sentitissima e fuori dal coro degli ipocriti che si nascondono dietro lo sventolio del Vangelo. Come se non fosse proprio l’occidente cattolico a depredare, di là e da qui, questi esseri umani che, evidentemente, tali non sono. Forse non hanno anima e non percepiscono nemmeno e emozioni. Costoro ci portano ogni giorno alla segregazione e all schiavitù. E hanno la capacità di giocare la carta “umanitaria”in modo da vincere sempre.

    Piace a 1 persona

    1. Il clima di odio che si sta diffondendo mi spaventa ogni giorno di più e il fatto che le vite di molti esseri umani vengano barattate con una manciata di voti è davvero disumano.
      Spero si possa sperare ancora di costruire un nuovo sentimento di umanità.

      Mi piace

      1. Con l’odio e il razzismo, purtroppo, crescono i voti e la cattiveria aumenta. Certo, bisogna costruire la coesistenza sulla base dei bisogni. Da sola la speranza è destinata a essere sconfitta. Questo perché quelli che dicono “prima gli italiani” continueranno a seminare l’avversione contro coloro che hanno la pelle nera. Come se in Italia le cose che non vanno la colpa è dei migranti. Falsità e demagogia. Una propaganda che costa poco e rende molto. Proprio come chi da secoli ha sempre sfruttato i più deboli e indifesi.

        Piace a 1 persona

      2. Sono d’accordo su tutto e, al momento, vorrei che il mio paese fosse diverso non solo a livello istituzionale, ma anche a livello di popolo e di umanità.
        Basta poco per informarsi ed avere un quadro non dico chiaro, ma almeno più nitido. E, invece, siamo vittime inermi degli sciacalli.

        Mi piace

      3. Le scorciatoie, anche se false, sono più facili da seguire. La storia ci ha insegnato molto, ma non è mai abbastanza. Bisogna sempre ricominciare. Poco fa Blob, a proposito dei migranti, ha mandato dei filmati davvero disumani. Egoismo, Individualismo e disumanizzazione caratterizzano questo inizio di terzo millennio.

        Piace a 1 persona

      4. Bisogna sempre patire dalla base. E quella siamo tu, io … altre e altri; insomma noi, ossia una consistente fetta di essere umani. La strada da tracciare è sempre nei nostri cuori e nei nostri pensieri, oltre che nella materialità delle cose. Un abbraccio forte, a girotondo, quanto tutto il mondo.

        Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...