Una rosa.

Sogno quella notte all’inizio dell’autunno,

I secondi o un cimitero erano ore in paradiso.

Nessuno ci vedeva oltre la tenda di respiri

-non si può spiare un sogno- questo mi dicevo.

S’aprivano le lampo più svelte d’ogni cuore

S’arrendevano i vestiti a un’invasione d’incoscenza.

Un gemito, un sospiro, una tempesta d’ogni senso

Il corpo pieno d’una lama che tagliava pure i nervi.

Si schiudevano le carni un po’ come dei gusci

Aprendo un posto in fondo che vuole solo la sua chiave.

I graffi, le lacrime sull’anima svestita,

La sigaretta spenta, un petto per cuscino.

Poi i versi in cui rivive quella rosa ormai recisa.

Annunci

Pubblicato da

Chiara

Chiara, 28 anni, amante di libri, viaggi e scrittura. Laureata in lettere, provo a tradurre in parole la meraviglia d'ogni nuova scoperta.

16 pensieri su “Una rosa.”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...